Leggere e scrivere da progetto a sistema - Una Scuola per Mirandola

Vai ai contenuti

Menu principale:

Leggere e scrivere da progetto a sistema

Progetti Sociali

Leggere e scrivere, da progetto a sistema

Dopo aver donato 1.000 euro all’Atlantide Onlus Mirandola per consentire la partecipazione ai Campionati Italiani di Società Paralimpici, dopo aver donato un proiettore e tutta l’attrezzatura necessaria all’Istituto della "Dante Alighieri" di Mirandola (dal valore di 2.000 euro), Una Scuola per Mirandola ha concretizzato un altro progetto associativo: la sponsorizzazione del progetto Scolastico "LEGGERE E SCRIVERE, DA PROGETTO A SISTEMA" (del valore di 7.200 euro).


In Dettaglio

PROBLEMA ANALIZZATO: La Direzione Didattica di Mirandola è un istituto scolastico statale cui afferiscono tutte le scuole dell’Infanzia Statali e le scuole Primarie del Comune di Mirandola. I 10 plessi scolastici di cui si compone il Circolo Didattico sono frequentati complessivamente da 1496 bambini, di cui 395 nelle 5 sedi di scuola dell’Infanzia e 1101 alunni nelle 5 sedi di scuola Primaria di Mirandola, Mortizzuolo, Quarantoli e San Martino Spino. Le classi di Scuola Primaria del Circolo, nel corso degli ultimi anni, anche in conseguenza dell’imponente flusso migratorio, che ha interessato la nostra zona, hanno visto fortemente aumentare la loro eterogeneità, sia rispetto ai singoli livelli di partenza che ai ritmi di apprendimento; le difficoltà sociali che molte famiglie incontrano, del resto, sia per la crisi economica che per le conseguenze del sisma del Maggio 2012, mettono, in alcuni casi, in secondo piano l’interesse delle famiglie per la scuola e non facilitano di certo il percorso scolastico dei bambini e così spesso si somma svantaggio a svantaggio. Questa complessa problematica è ulteriormente aggravata dalla progressiva riduzione delle risorse di personale che ha, di fatto, quasi esaurito il serbatoio delle cosiddette "ore di compresenza" (nelle quali, cioè, due docenti condividevano la stessa classe), che in passato davano l’opportunità di sostenere in piccolo gruppo gli alunni con maggiori difficoltà.
Il Circolo Didattico di Mirandola, in rete con le altre scuole di base del distretto Area Nord, da ormai 6 anni scolastici, ha strutturato e porta avanti sistematicamente un percorso di formazione, screening e laboratori denominato "Leggere e scrivere, da progetto a sistema". Questo percorso, validato scientificamente e coordinato dal servizio di Neuropsichiatria Infantile dell’ASL distrettuale, si propone di monitorare lo sviluppo delle competenze linguistiche degli alunni, nel passaggio tra la scuola dell’Infanzia e la scuola Primaria e seguire le tappe di apprendimento della letto-scrittura, che è abilità chiaramente basilare per ogni ulteriore apprendimento scolastico. La ricerca e l’esperienza mostrano, infatti, che circa il 7-10% dei bambini incontra ostacoli oggettivi nel processo di apprendimento della letto-scrittura (il 4% svilupperà un vero e proprio Disturbo di Apprendimento-DSA) e almeno altrettanti bambini incontrano difficoltà meno specifiche e più generalizzate, facendo stimare l’incidenza degli alunni con BES (Bisogni Educativi Speciali) intorno al 20% della popolazione scolastica (dati in linea con le rilevazioni internazionali). Questi alunni necessitano di attività strutturate sul loro stile di apprendimento, rispettose di ritmi e specificità e di tipo laboratoriale, cioè basate sul "fare".

DONAZIONE UNA SCUOLA PER: Una delle finalità dell’Associazione "Una Scuola per", indicata nello Statuto Associativo, è quella di sostenere il mondo della scuola e gli obiettivi educativi rivolta ai minori e in particolare a coloro che versano in situazioni di difficoltà di tipo sanitario, sociale, economico o di apprendimento. A tal fine, "Una Scuola per" ha donato 7.200 euro alla Direzione Didattica di Mirandola, per "coprire" interamente l’implementazione del progetto stesso per l’anno scolastico 2014/2015, che prevede:

formazione continua dei docenti, affinché, in un quadro scientifico di fondamenti teorici, si arricchisca la loro “cassetta degli attrezzi” e si implementino tecniche didattiche di dimostrata efficacia;
costruzione di percorsi coerenti, supervisionati da referenti esperti, che forniscano tracce e materiali di supporto alle attività laboratoriali, in modo che i docenti o gli educatori effettuino i loro interventi con buone garanzie di efficacia e omogeneità;
attività di laboratorio in piccolo gruppo, purché risultino sistematiche

Il progetto è stato illustrato dalla Dirigente Scolastica Dott.ssa Paola Cavicchioli e dal Presidente del Consiglio di Circolo Alberto Neri, al quale vanno tutti i nostri ringraziamenti, per averci coinvolto in un progetto importante, concreto e finalizzato al supporto verso coloro che versano in situazioni di difficoltà. Con l’occasione, vogliamo estendere i ringraziamenti a tutti i Soci e a tutti i Donatori che hanno consentito di sponsorizzare il progetto.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu